Cos’è e com’è fatta una telecamera per auto? Guida completa, informazioni utili

Cosa sono le telecamere per auto?

Non sono altro che piccole telecamere da installare in macchina per poter riprendere tutto quello che succede intorno a noi.

Dei molti modelli a disposizione ci sono quelli con la sola telecamera frontale e altri modelli che hanno sia video frontale che posteriore.

Poi ci sono quelle solo interne, usate in particolare dai tassisti per riprendere i passeggeri un po’ troppo “esuberanti”, diciamo così, che potrebbero arrecare danni o compiere atti violenti; infine ci sono anche le telecamere che riprendono tutto a 360° intorno all’automobile.

Perché sono utili?

Vi è mai capitato di avere un piccolo incidente con un’altra auto e ritrovarvi a discutere sulle ragioni, o magari vedersi assegnato un torto quando invece avevamo ragione? Può succedere! Allora la dashcam con le riprese effettuate può documentare in maniera inequivocabile e oggettiva lo svolgimento di tutto quello che è successo in strada. Di conseguenza questo consente di verificare le responsabilità e tutelarsi in caso di contestazione. Tra l’altro oggigiorno non è proprio semplice trovare un testimone.

Le prove con le dashcam sono comunque sempre soggette alla valutazione di un giudice che comunque ha sempre l’ultima decisione come sua prerogativa.

Un altro esempio di utilità, è poter utilizzare i video per chiedere il risarcimento, se subiamo dei danni alla vettura percorrendo una strada dissestata,

C’è poi un’altra utilità, finalmente più piacevole: riprendere il panorama durante il viaggio; un evento atmosferico particolare; riprendere  l’incontro fortuito in strada con qualche animale speciale, tipo uno scoiattolo o una volpe, in questo caso non faremmo in tempo a scattare delle foto perché si tratterebbe di attimi, mentre con la telecamera in funzione in automatico avremmo garantita la ripresa dell’evento.

Un breve cenno sul funzionamento

Le telecamere vengono alimentate, come altri oggetti elettronici in auto, con un cavo USB da collegare alla presa accendisigari, per cui accensione e spegnimento sono in automatico insieme all’automobile quando è in moto o è spenta.

All’interno della dashcam c’è una scheda di memoria per registrare i filmati e quando la memoria è piena i più vecchi vengono sovrascritti dai nuovi, per cui se si vuole salvare qualche video particolare su un computer o su smartphone, bisogna farlo prima della cancellazione automatica.

Certamente se acquistate una telecamera, troverete anche il modello che memorizza automaticamente un filmato importante, tipico di un incidente. Questo sarà possibile tramite dei sensori a disposizione che attiveranno questa funzione.

Un altra buona opzione è di avere una batteria incorporata che farà funzionare la telecamera anche quando la macchina è spenta, e quando l’auto è parcheggiata i sensori continuano a funzionare, attivando la telecamera quanto basta per riprendere quello che sta accadendo in caso di furto o urto di un altro veicolo.

Alcuni consigli utili

Ora, possiamo dare qualche altro consiglio a completamento di questo breve articolo.

Le caratteristiche salienti di una telecamera sono prima di tutto la definizione, diciamo che 1080p è un valore che ci permette di avere una buona qualità di immagini.

Il touchscreen potrebbe essere importante per non distrarci troppo dalla guida.

Il supporto per attaccare la dashcam al parabrezza solitamente è una ventosa, ma esistono modelli che hanno il supporto magnetico di utilizzo più facile e veloce.

Il GPS integra i video anche con i dati di posizione del nostro veicolo; avere il wifi e il bluetooth permettono di inviare i dati allo smartphone senza disinstallare la scheda di memoria.

Poi, si può avere anche un sistema di attivazione chiamate di emergenza supportato da un assistente tipo Alexa.

Infine la grandezza dello schermo o avere anche la telecamera posteriore può fare la differenza.

Conclusioni

E’ importante dire qualcosa anche sulle normative di legge che disciplinano l’uso delle telecamere in auto.

Vista la loro diffusione in molto paesi, si sono sollevati i problemi relativi alla privacy delle persone che compaiono nei video. In Italia non c’è una normativa speciale per le telecamere, ma valgono le regole generali sul trattamento dei dati personali, quindi non possono essere diffusi o inviati ad altri.  Si deve fare attenzione che le persone non siano riconoscibili, come pure le targhe delle auto. Solo nei video di incidenti il video può essere diffuso a tutti coloro che sono interessati alla procedura assicurativa.

E allora buon viaggio con questo nuovo amico elettronico.

Sono nato a Roma nel 1957. Ho lavorato quaranta anni per un’azienda di telecomunicazioni spaziali via satellite. Questo, credo abbia alimentato la mia passione per la tecnologia e in particolare per le telecomunicazioni e l’astronomia, ma strada facendo anche per la psicologia.

Back to top
menu
elettronicaecomponentiperauto.it