Navigatori satellitari: guida completa, informazioni, istruzioni per l’uso

Il navigatore è uno strumento che ci indica come arrivare a destinazione percorrendo la strada migliore nel minor tempo possibile. Per questo motivo è importante conoscerne l’utilità e le potenzialità, che variano a seconda di marca e modello.

Alcune informazioni di base

Il navigatore satellitare si basa sulla tecnologia GPS (Global Positioning System) e su una rete dedicata di circa 30 satelliti, che danno i segnali di riferimento relativi alla posizione del navigatore. Il funzionamento del ricevitore GPS si basa sulla scelta del segnale migliore dei satelliti presenti nel proprio emisfero, scartando quelli meno utilizzabili. Poi tramite calcoli complessi, riesce a ottenere la propria localizzazione per avere le indicazioni di viaggio.

Caratteristiche principali del navigatore

  • Mappe: la prima caratteristica da considerare è relativa alle mappe a disposizione. E’ importante che siano il più possibile estese: si passa da una copertura base dell’Europa centrale e occidentale con circa 22 fino a circa 60 mappe per la copertura completa. Importante è anche la modalità di aggiornamento che può essere limitata o estesa nel tempo. Per quanto riguarda questo ultimo punto è importante verificare la modalità di aggiornamento: la connettività standard viene offerta tramite collegamento USB al computer, il quale con un software specifico permette l’aggiornamento gratuito. I modelli più costosi hanno a disposizione invece il collegamento wifi via internet. Le mappe possono anche essere personalizzabili, memorizzando le località di nostro gradimento,  i punti panoramici, la presenza di un ristorante o di uno sportello bancario.
  • Informazioni sul traffico: quello che interessa sono principalmente le informazioni sul traffico e le segnalazioni anticipate di autovelox in strada. Le altre informazioni più comuni sono il calcolo del percorso e il tempo di percorrenza. Il calcolo del percorso può essere scelto come veloce, ma non necessariamente più breve. Invece il tempo viene calcolato in funzione della velocità e della distanza, e nei modelli più evoluti anche in funzione delle condizioni del traffico. A corredo le informazioni dei distributori di carburante più vicini, dei punti di ristorazione e dei parcheggi nelle vicinanze.
  • Visualizzazione: la visualizzazione è fondamentale soprattutto per la nostra sicurezza durante la guida. Per questo motivo, se possibile, dovremmo scegliere uno schermo con dimensioni  il più possibile grandi in funzione dello spazio disponibile. Gli schermi denominati widescreen (adottano una proporzione 16:9) vanno da dimensioni 4,3″ nei modelli più piccoli, fino ai 7″ nei modelli di fascia alta. La risoluzione va dai 480 x 272 px ai 800 x 480 px nei modelli migliori. Importante è anche la possibilità di comandare il navigatore direttamente sullo schermo multitouch, (tipo smartphone), con il quale si naviga nel menu senza uso dei tasti.
  • Audio (voce guida): è una funzione utile che ci accompagnerà, con le sue indicazioni, anticipando per tempo le manovre da effettuare, a supporto delle immagini dello schermo del navigatore. Naturalmente dovremo scegliere un volume audio che non crei disturbo alla guida.
  • Bluetooth: una funzionalità molto utile per i navigatori è la possibilità di collegarlo tramite bluetooth al nostro smartphone e gestire le telefonate in arrivo e in uscita tramite il vivavoce, senza togliere le mani dal volante.
  • Design e materiali: la scelta del design è soggettiva e dipende quindi dai gusti dell’acquirente. Per i materiali viene usata la plastica per la struttura del navigatore e il vetro per lo schermo. Il prodotto deve essere marchiato CE e quindi rispondente alla normativa standard europea per la sicurezza.

Un paio di consigli per usare correttamente un navigatore satellitare

Il navigatore portatile è dotato di una ventosa che permette la sua applicazione all’interno del parabrezza dell’automobile, quindi il primo passo è posizionare lo schermo nel punto migliore per la propria visuale in modo da non togliere continuamente gli occhi dalla strada.

  • Per impostare le coordinate del nostro viaggio, si deve farlo a veicolo fermo, impostando la destinazione. Sarebbe ottimale conoscere in anticipo il percorso che il navigatore ha ideato per noi, in modo che durante il viaggio siamo più o meno preparati alle informazioni che ci arriveranno.

 Il prezzo

Il prezzo come tutti i prodotti  varia da una fascia bassa, una media e una alta. Per questo motivo è importante focalizzare su quale fascia di prezzo orientarsi prima di valutare i modelli presenti sul mercato.

La fascia di prezzo economica oscilla intorno ai 90 euro, la media si attesta intorno ai 160/180 euro, mentre la alta può arrivare fino a 300 euro e oltre

E’ chiaro che spendendo di più avremo un navigatore con funzioni migliori (mappe a disposizione e aggiornamento, servizio di informazioni sul traffico, connettività e molto altro).

La marca

Il discorso sulle marche pone l’attenzione su quelle più presenti in commercio.

Possiamo consigliare di prestare attenzione alle varie promozioni che ogni marca periodicamente può offrire sul mercato: questa accortezza ci permetterà di acquistare prodotti di fascia più alta ad un prezzo conveniente.

Tra le marche migliori ne consigliamo alcune:

  • Tom Tom
  • Navruf
  • Garmin
  • Coyote

Con questo breve articolo speriamo di esservi stati di aiuto per entrare nel mondo dei navigatori satellitari. A presto!

Sono nato a Roma nel 1957. Ho lavorato quaranta anni per un’azienda di telecomunicazioni spaziali via satellite. Questo, credo abbia alimentato la mia passione per la tecnologia e in particolare per le telecomunicazioni e l’astronomia, ma strada facendo anche per la psicologia.

Back to top
menu
elettronicaecomponentiperauto.it